Kami-Nari Viaggi Srl

  • facebook
Ti trovi in: Home » Le Destinazioni » Asia » Vietnam, Cambogia e Laos » Cambogia - Tours accompagnati » Le località
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Le località

SIEM REAP
Siem Reap è il nome di una città e di una provincia della Cambogia nord occidentale, ubicata tra le rovine di Angkor Wat ed il grande Lago di Tonle Sap. Alla fine del 1860 si scoprirono moltissimi e meravigliosi templi Khmer che erano celati nella folta selva tropicale; negli anni '70 gli archeologi hanno lavorato per disboscare e restaurare le meraviglie create tra il IX e il XII secolo; oggi l'UNESCO ha posto il sito sotto la sua tutela dichiarandolo PATRIMONIO DELL'UMANITA'. Giornali e documentari hanno fatto conoscere questo tesoro a tutto il pianeta, ma niente può dare idea della meraviglia e dello stupore che si prova quando queste antiche pietre si presentano agli occhi del viaggiatore in tutta la loro imponenza. La giornata del visitatore di Siam Reap è resa colma dalle decine di templi da visitare, ma le serate ele notti sono piene di accattivanti tentazioni fra ristoranti, pub, discoteche, locali notturni e vie sempre affollate.

PHNOM PHEN
Capitale della Cambogia nonchè la più vasta e popolosa città del paese è anche il più importante centro politico, commerciale e culturale e conta circa 1.300 milioni di abitanti. Conosciuta come la Perla dell'Asia, la città è un'importante meta turistica. Phnom Penh è rinomata per la sua architettura, che risente sia dello stile tradizionale khmer sia di quello importato dalla Francia, come per la cordialità della sua gente. Il clima è caldo in tutto l'arco dell'anno, con scarsa escursione termica. Ci sono tre stagioni pricipali: la stagione fredda da novembre a gennaio, quella calda da febbraio a maggio e la stagione delle piogge da giugno ad ottobre. Le maggiori attrazioni turistiche di Phnom Penh sono il Palazzo Reale, la Pagoda d'Argento, il Museo Nazionale, il Monumento dell'Indipendenza il Monumento dell'amicizia fra Cambogia e Vietnam, il Museo Tuol Sleng del Genocidio e il Wat Phnom. Fuori dalla città c'è il Centro del Genocidio Choeung Ek. La città dorme poco; già all'alba i mercati risuonano di grida e i banchi esplodono di colori, le vie sono inondate da moto, biciclette, ciclotaxi e tante auto. Ristorantini e banchetti compaiono ad ogni angolo e al calare del solo il lungofiume si riempie di gente in cera ci bancarelle e "trattorie" di strada.

SIHANAOKVILLE
Stazione balneare prediletta dai ceti abbienti della capitale negli anni '60, la città è uscita dai lunghi anni di guerra conservando intatta la sua vocazione turistica. Infiniti spazi si offrono alla quiete individuale, ma se qualcuno desidera visitare luoghi ancora più isolati è sufficiente accordarsi con qualche pescatore per farsi portare su una delle tante isole disabitate che costellano il golfo. A circa 17 chilometri dalla cittadina si trova l'ingresso al Parco Nazionale di Ream: una stupenda oasi protetta solcata da un fiume che conduce a spiagge che non recano orme di turisti e che sono punto di partenza per una breve navigazione fino a isole più vicine.
Chiedi informazioni Stampa la pagina