Kami-Nari Viaggi Srl

  • facebook
Ti trovi in: Home » Le Destinazioni » Centro e Sud America » Perù - Bolivia - Ecuador » Galapagos » Programma Nature Hopping - Isabela - Santa Cruz
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Programma Nature Hopping - Isabela - Santa Cruz

QUI 15/16

Programma:


1. Giorno:
QUITO / GUAYAQUIL - GALAPAGOS- ISOLA DI SANTA CRUZ / ISABELA

All'arrivo all'aeroporto di Baltra, ricevimento e trasferimento allo stretto di Itabaca (5 minuti) traversata in ferry all'isola di Santa Cruz (10 minuti). Da qua si prosegue in auto/bus privato fino alla cittadina di Puerto Ayora. A seconda dell'orario del volo Pranzo non incluso. SI RACCOMANDA DI PRENOTARE VOLI CHE ARRIVINO A BALTRA ENTRO E NON OLTRE LE ORE 11.30

Alle 14.00 Imbarco sul motoscafo veloce pubblico per il trasferimento all'Isola Isabela. Circa due ore e mezzo di tragitto.
Arrivo a Isabela e trasferimento in Hotel.
Breve visita ad una laguna abitata da fenicotteri rosa.

Rientro in hotel, tempo a disposizione. Cena libera e pernottamento.

2. Giorno:
VULCANO SIERRA NEGRA

Sveglia alle 6:30 AM. Colazione e Partenza per il vulcano Sierra Negra alle h 8.00. Si attraversa una zona di fitta vegetazione per poi arrivare fino a dove la strada termina. Da qui si prosegue a piedi. Il cratere del Vulcano Sierra Negra è il secondo più ampio dei vulcani attivi nel mondo.

Si raggiunge il cratere in circa 2h30 di cammino. Il panorama è incredibile. Si prosegue lungo la cresta del cratere fino al cratere che ha un diametro di circa 8 KM. Si prosegue fino al Vulcano Chico (45 m.) . Qui si entra in contatto con l'ultima colata vulcanica camminando in mezzo alla lava.

Il paesaggio è lunare, con piccoli crateri a volte ancora fumanti, colate laviche fresche rosse e gialle, e una vista incredibile su tutta l'isola, il mare, ed i vulcani al nord di Isabela. Box lunch sul vulcano.Il percorso non è difficile ma necessita di una buona preparazione fisica. Necessarie scarpe da trekking con suola rigida. La prima parte del sentiero è la più ripida e si può incontrare molto fango, mentre dal cratere al Vulcano Chico il sentiero è quasi sempre secco e con fondo di lava dura. Indispensabile giacca antivento impermeabile, cappello e crema solare ad alta protezione.

Ritorno alle auto e rientro in hotel.. L'arrivo in hotel è previsto per le 15/16. Snorkeling nella località Concha Perla. Vicino al molo di Isabela si trova questa insenatura dove normalmente si incontrano numerosi cuccioli di Leoni marini.

OPZIONE TINTORERAS ( pranzo non incluso): i passeggeri dovranno scegliere una delle due opzioni al momento della conferma

Per chi non volesse cimentarsi nella camminata al vulcano sarà possibile visitare l'isolotto di Tintoreras. Breve trasferimento in barca nella zona della Tintoreras. Lungo il tragitto s'incontrano sulla costa, pellicani, pinguini e sule dalle zampe azzurre.

Si sbarca poi per una passeggiata in mezzo alla lava vulcanica dove prendono il sole le iguane. In un anfratto dove la marea fa entrare ed uscire l'acqua formando un piccolo fiume, riposano gli squali. Lo squalo é un pesce che normalmente non può stare a lungo senza muoversi; quitrova l'habitat ideale per fermarsi a riposare. Da un piccolo belvedere si vedono da vicino gli squali che sonnecchiano sul fondale.

Cena libera e pernottamento in hotel.

3. Giorno:
ISABELA – SANTA CRUZ

Di prima mattina trasferimento al molo e alle 06.00 partenza per l'Isola di Santa Cruz con la barca pubblica. ( circa 2h30). Arrivo e prima colazione in Hotel

Partenza per la visita della parte alta dell'Isola con i suoi crateri gemelli. Due grandi buchi circolari simili a crateri. All'inizio si pensava che fossero due crateri, in seguito si è scoperto che si tratta di due collassamenti della crosta terrestre. La lava che ha provato ad uscire all'esterno, senza riuscirci, ha formato due grosse bolle d'aria nel sottosuolo. In seguito la crosta terrestre, con il peso della vegetazione è collassata formando questi grossi buchi simili a crateri. La vegetazione circostante lussureggiante e piena di uccelli endemici.

Si prosegue per la visita di una fattoria dove assieme alle mucche d'allevamento, vivono allo stato libero le tartarughe giganti. Breve passeggiata nella fattoria:

In gran parte delle isole le tartarughe erano quasi estinte. I marinai delle navi di passaggio le raccoglievano per avere a bordo carne fresca: Difatti le tartarughe possono vivere molto tempo senza mangiare e senza bere. Ora dopo la dichiarazione del Parco Nazionale Galapagos, gli addetti al parco le allevano nella stazione Charles Darwin fino a tre anni per poi lasciarle libere. Questi allevamenti servono per far si che i nuovi predatori introdotti dall'uomo, soprattutto i cani e gatti selvatici, non le mangino quando sono ancora piccole e con il guscio tenero.

In realtà uno dei più grandi problemi delle Galapagos non è tanto il turismo, quanto la presenza sulle isole di animali non endemici.

Le specie endemiche si sono trovate improvvisamente a competere sul territorio con altri animali sconosciuti e contro i quali non avevano sviluppato nessun tipo di difesa.

Così facendo la popolazione delle tartarughe è tornata ad essere numerosa: La vostra guida vi spiegherà nei dettagli tutte le attività che i ricercatori del parco stanno facendo per conservare questo paradiso.

Pranzo libero

Visita della stazione Darwin

Nel 1835 Charles Darwin, allora un giovane naturalista, approdò alle Galápagos a bordo del brigantino Beagle capitanato da Robert Fitzroy, che aveva il compito di realizzare una carta dettagliata delle coste del Sud America. Darwin usò le osservazioni fatte alle Galápagos per sviluppare e confermare le sue idee sull'evoluzione delle specie. Nel XX secolo le isole furono meta di molti scienziati da tutto il mondo, Nel 1959 il governo ecuadoriano dichiarò parco nazionale tutte le zone non abitate e venne fondato il Centro di ricerca Charles Darwin a Santa Cruz. Il turismo iniziò negli anni Settanta con l'arrivo di un veliero con 58 passeggeri.

La stazione di ricerca Charles Darwin conduce e promuove la ricerca scientifica alle Galápagos per offrire informazioni e assistenza tecnica agli uffici amministrativi del Parco Nazionale e del governo. Organizza inoltre iniziative di educazione ambientale rivolte alle comunità locali, alle scuole e ai visitatori che ogni anno giungono sulle isole.

Gli studenti universitari ecuadoriani, attraverso programmi formativi e di volontariato, apprendono e sperimentano direttamente sul campo i principi della ricerca scientifica, dell'educazione all'ambiente e della conservazione. Scienziati provenienti da tutto il mondo vengono alle Galápagos per svolgere ricerche in una grande varietà di campi. La stazione di ricerca ha un team di circa 200, tra scienziati, educatori, volontari e giovani ricercatori, che offrono un supporto a staffinternazionali. Le informazioni fornite agli uffici amministrativi del Parco sono utilizzate per ottimizzare i programmi di conservazione degli ambienti terrestri e marini. I lavori scientifici sono anche pubblicati su riviste scientifiche internazionali e in bollettini interni, e vengono resi accessibili per i visitatori e riadattati per i progetti di educazione ambientale.

Tempo a disposizione per poter passeggiare per la Charles Darwin Avenue, fare shopping e vedere uno dei più pittoreschi mercati del pesce esistenti al mondo. I cuccioli di otarie, i pellicani ed altri uccelli sostano vicino ai pescatori aspettando la propria razione di pesce… uno spettacolo impagabile.

Cena libera e pernottamento nell'hotel prescelto

Vi consigliamo una passeggiata notturna sul molo di Santa Cruz, dove avrete modo di ammirare gli squaletti che vengono attirati dalle luci del molo.


4. Giorno:
SANTA CRUZ GIORNATA A DISPOSIZIONE

Prima colazione

Giornata a disposizione per attività personali

(Si consiglia di acquistare un tour giornaliero in fase di prenotazione per avere garantita la disponibilità) altrimenti di visitare la splendida spiaggia di Tortuga Bay

Cena non inclusa e pernottamento in hotel.

VEDI PREZZI DEI TOUR GIORNALIERI A FINE PROGRAMMA

Attività in opzione

In base alla disponibilità sarà possibile visitare una delle seguenti isole:

BARTOLOME

Dopo la prima colazioneTrasferimento al Canale di Itabaca, imbarco e partenza per Bartolome.

E' una delle isole più giovani dell'arcipelago ed ha una superficie di circa 1.2 kmq. L'isola offre uno dei panorami più spettacolari delle Galapagos. Dalla cima del suo vulcano spento oltre che alle due spiagge ed il famoso Pinnacle Rock, si potranno ammirare parecchie isole circostanti.

Pranzo a bordo.

Sbarco asciutto

Nel pomeriggio sbarco bagnato su una spiaggia (il gommone vi lascerà a pochi metri dalla spiaggia si dovrà camminare un po' nell'acqua)

Rientro a Santa Cruz. Cena libera e pernottamento.

SEYMUR

Dopo la prima colazionetrasferimento al Canale di Itabaca e partenza per Seymur Nord, una piccolo isola vicina a Baltra. L'isola è coperta da una vegetazione di arbusti, ha una superficie de 1.9 kmq e un altitudine massima di 28 metri. Qui vivono delle importanti colonie di sule dalle zampe azzurre, fragate e gabbiani dalla coda di rondine.

Sbarco asciutto.

Pranzo a bordo.

Rientro a Santa Cruz.

Cena liberae pernottamento.

PLAZA

Prima colazione.Trasferimento al Canale di Itabaca.

É una piccola isola situata a est di Santa Cruz. Ha una superficie di 0.13 kmq e un'altitudine massima di 23 m. Cosparsa da un manto di vegetazione rossa è habitat di Otarie, Iguane di terra e gabbiani dalla coda di rondine. Da un lato l'isoletta si affaccia su di un canale dove il mare è tranquillo, mentre dal lato opposto il panorama cambia completamente: l'oceano si abbatte con tutta la sua forza su di un'alta scogliera.

Possibilità di fare snorkeling in una zona di mare tranquillo.

Pranzo a bordo.
Sbarco asciutto

Rientro a Santa Cruz. Cena libera e pernottamento.

SANTA FE

Prima colazione.Trasferimento al molo di Puerto Ayora

Santa Fé (Barrington): intitolata all'omonima città spagnola, ha una superficie di 24 km² ed un'altitudine massima di 259 metri sul livello del mare. Santa Fé ospita una foresta di cactus Opuntia e di Palo Santo. Le sue corrugate scogliere offrono riparo a gabbiani a coda di rondine, uccelli tropicali dal becco rosso e procellarie. A Santa Fé si vive una colonia di leoni marini e vengono spesso avvistate le iguane di terra e le lucertole della lava. L'isola ha una laguna frequentata da tartarughe ed acque calme.Possibilità di fare snorkeling. Pranzo a bordo.

Rientro a Santa Cruz. Cena libera e pernottamento.

5. Giorno:
SANTA CRUZ OUT

Prima colazione
Trasferimento in aeroporto.






PER INDIVIDUALI E GRUPPI: MINIMO 2 PASSEGGERI


Quote valide dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2016

Quote a persona in camera doppia
885 euro - Hotel Cat. Turistica
985 euro - Hotel. Cat. Superior
1.290 euro - Hotel Cat. Prima
1.345 euro - Hotel Cat. Prima Sup.


SUPPLEMENTO PRANZO O CENA IN GIORNI CON VISITE = 25 euro circa
SUPPLEMENTO PRANZO O CENA IN GIORNI LIBERI = 30 euro circa
SUPPLEMENTO PER GUIDA IN ITALIANO = 420 euro circa





Vi preghiamo di prenderenota che le barche utilizzate per i trasporti tra Santa Cruz e Isabela e vicevers non possono avvicinarsi troppo al porto, verrete trasferiti su un taxi boat pubblico che vi porterà al molo. Il prezzo da pagare in loco è di Usd 1.- per pax

La barca veloce per Isabela parte alle ore 14.00, il transfer dall'aeroporto a Puerto Ayora dura circa 1 ora. Per evitare di perdere il trasferimento per Isabela è necessario che il volo non arrivi a Baltra dopo le ore 11.30 AM.

Chiedi informazioni Stampa la pagina