Kami-Nari Viaggi Srl

  • facebook
Ti trovi in: Home » Le Destinazioni » Asia » Asia centrale » Asia centrale combinati » Tour combinato Turkmenistan e Uzbekistan 13 GG/ 12 NTS
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Tour combinato Turkmenistan e Uzbekistan 13 GG/ 12 NTS



Turkmenistan e Uzbekistan


Turkmenistan
- è la terra di origine di antiche civiltà che hanno lasciato un patrimonio culturale unico all'umanità. Questa regione è stata chiamata il "crocevia delle sette strade del mondo" perché è stata attraversata dalla Grande Via della Seta. Nel solco di questa tradizione, il Turkmenistan è molto ricco di risorse naturali, biologiche e culturali ed è una delle nazioni che stanno crescendo più velocemente da un punto di vista economico. I meloni, famosi in tutto il mondo, chiamati "waharman" del Turkmenistan, sono uno dei prodotti agricoli di esportazione a cui si aggiungono altri prodotti dell'industria alimentare.

Uzbekistan – è un paese situato nel cuore della Via della Seta, in una vasta regione dell'Asia centrale con una storia di quasi un milione di anni. Il Viaggio in Uzbekistan - è una vera avventura, piena di piacevoli scoperte.Gli ospiti hanno la possibilità di vedere la storia non solo nei musei, guardando le esibizioni, ma anche "dal vivo".Basta fare un passo sulla terra di antichi insediamenti, visitare i siti archeologici, e davanti a Voi si aprono le porte del passato.


Itinerario:
Istanbul-Ashgabat-Mary-Ashgabat-Darwaza-Kunya Urgench-Khodjeyli border-Nukus-Ayaz - Kala-Khiva- Bukhara-Gijduvan-Samarkand-Tashkent-Istanbul


1. Giorno:
Istanbul-Ashgabat
Arrivo e sistemazione in hotel.
Dopo la colazione escursione:
-Escursione di Nisa, antica capitale di Parthie.
-Anau è la città medievale situata a 12 km a sud-est di Ashgabat ed è famosa per la sua moschea
medievale chiamata "Seitjemal - ad - din".
-Museo Nazionale di Turkmenistan- (chiuso il martedì e durante le festività nazionali) circa 500.000
reperti dedicati all'età del bronzo, all'antichità e alla storia medievale del Turkmenistan.
-La moschea Ertugrul Gazi è stata costruita come un regalo alla nazione turkmena dalla repubblica Turchia. Questo complesso unico consiste di moschea, madrasa, parco, centro culturale con biblioteca e sala riunioni per 250 posti.

2. Giorno:
Ashgabat - Mary
Colazione. Transfert in aeroporto e la partenza per Mary con volo T5. Arrivo. Trasferimento per Merv.
Visita dell'antica città carovaniera Merv, la più antica e meglio conservata città-oasi lungo la Via della Seta, dichiarata dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità. Merv sorge nel deserto di Karakum in posizione strategica
per le carovane che dal Mediterraneo dovevano raggiungere la Cina. La città è composta da diversi nuclei urbani cinti da mura ed eretti nel corso dei secoli dalle principali potenze del mondo antico:
Erk Kala fu fondata dall'Impero Achemenide intorno al 519 a.C. mentre Gyaur Kala fu eretta dal Re di dinastia Seleucide Antioco I intorno al 280 a.C. in epoche successive la città, a causa della sua importanza
storica e strategica, fu conquistata dagli Arabi, Turchi, Selgiuchidi. Visita del mausoleo di sultano Sandjar e dei nuclei urbani di Kyz Kala.
Ritorno a Mary. Continuazione di escursione:
- Museo regionale di Mary.

3. Giorno:
Mary - Ashgabat - Darwaza
Colazione. Transfer in aeroporto e la partenza per Ashgabat con il volo T5. Arrivo.
Escursione:
-La visita di scuderia dove è possibile vedere una razza dei cavalli " Ahalteke ".
-Monumento dell Independenza di Turkmenistan
Transfer per Darwaza con 4x4 Jeep car.
PM. Arrivo e sistemazione in tende.
-Enjoy view to burning gas crater.
Cena e o/n in tende. (tents, slleeping bags & mattresses are arranged by our company).

4. Giorno:
Darwaza-Kunya Urgench (335 km) -Khodjeily border (20 km) - Nukus
Colazione in tende.
-Enjoy morning view to burning gas crater.
La partenza per Kunya Urgench con 4x4 Jeep car.
Arrivo ed escursione

La visita delle rovine dell'antica città situata in posizione strategica lungo la Via della Seta. La città fu fondata intorno al V-VI secolo dagli Achemenidi, tuttavia raggiunse il massimo splendore intorno al X-XIV
secolo quando, grazie ai commerci, diventò uno dei maggiori centri commerciali e culturali dell'Asia Centrale, a tal punto da contendere il primato con la maestosa Bukhara. La città subì dolorose distruzioni durante il XIII-XIV secolo ad opera di Gengis Khan e successivamente dalle truppe di Tamerlano: a seguito degli imponenti danni, la maestosa Kunya Urgench fu abbandonata dai suoi abitanti e pian piano dimenticata dal mondo moderno. Visita dei principali mausolei e minareti dell'antica città, dichiarata dall'UNESCO
Patrimonio dell'Umanità.

- Il mausoleo di Fakhr-At-Din.
- Il mausoleo Sultan Tekesh
- Il mausoleo Turebek-Khanum
- Il mausoleo Nadjm-ad-din Kubra e Sultan Ali
- Il Minareto Kutlug Timur

La partenza per Nukus.
Sistemazione in hotel.

5. Giorno:
Nukus-Ayaz Kala-Khiva
La visita del museo di Igor Savitskiy.
Nukus ospita il Museo Statale d'Arte della Repubblica del Karakalpakstan, di Igor V. Savitskiy. Il Museo di Stato ospita una collezione di reperti, recuperati da indagini archeologiche, gioielli tradizionali, costumi e
strumenti musicali e, fatto di maggiore interesse, testimonianze ecologiche di specie areali scomparse o in via di estinzione di flora, fauna e di vita acquatica del Mare d'Aral. Il Museo è conosciuto per la sua collezione di arte russa e uzbeka moderna del periodo 1918-1935. La maggior parte della raccolta è frutto di un grande lavoro di ricerca anche in posti lontanissimi: Savitskiy andò regolarmente a Mosca e Leningrado, per chiedere agli eredi di artisti d'avanguardia del periodo 1920-1930 di poter avere le loro
opere, lavoro che consentì l'acquisizione di una vasta collezione di opere ancora in quei tempi vietate.
Sarebbe tornato a Nukus (il viaggio in treno dura tre giorni) con abbastanza quadri da riempire almeno tre scompartimenti.Lo aiutò posizione geografica di Nukus, così distante dai centri del potere. Il museo ha ricevuto molte opere in donazione, mentre i suoi acquisti sono stati finanziati dai governi karakalpaki e uzbeki.


La partenza per Khiva. Durante il percorso la visita delle antiche rovine dele fortezze che costituiscono una serie di caratteristiche fortezze e templi fortificati con mura di fango, edificati, a protezione della regione del Khorezm (la storica corasmia ) , ai margini del deserto del Kizilkum.
Arrivo a Khiva e sistemazione in hotel

6. Giorno:
Khiva
Khiva, città carovaniera per eccellenza, è davvero una città senza pari in tutta l'Asia centrale per la sua forma urbanistica. Questo è dovuto al fatto che la città originalmente era costruita seguendo il piano rettangolare con quattro porte delle antiche fortezze di cui era ricca la terra di Corazmia - pronunciato Khorazm in uzbeko che tradotto significa "la terra del sole". Ma nel 18 secolo in seguito all'invasione persiana Khiva subisce un periodo di ricostruzione e prende il suo piano attuale.
- Ata Darvaza
-Cittadela Ichan Kala
-Madrassa di Muhamad Amin Khan
-Moschea di Juma
-Madrassa di Muhammad Rahim-Khan
-"Kunya Ark" - che serviva da residenza signorile fortificata dei khan di Khiva era costruita secondo l'ordine di Arang Khan nel 17 secolo ed occupava tutto il lato occidentale delle mura di Khiva.

- Mausoleo di Pakhlavan Makhmud
-Il minareto e madrassa di Islam Khodja-45 m di altezza è il più alto edificio a Khiva con l'area di osservazione.
-La casa di Pietra (Tosh Howli)- ovvero il Palazzo di Allakuli Khan la cui costruzione ha durato per otto anni dal1830 fino al 1838 è stato costruito all'esempio delle residenze estive dei khan che venivano
fortificate da strutture difensive molto solide da qui il nome del palazzo. E' uno dei pochi complessi palaziali del medioevo in Asia centrale che si è conservato intatto ai nostri giorni.

7. Giorno:
Khiva-Bukhara
La partenza per Bukhara. Il pranzo lunch-box. Arrivo e riposo.
Trasferimento a Bukhara attraverso il deserto di Kyzylkum. Una breve sosta per godersi il panorama del deserto e il panorama dell'Amu Darya.

8. Giorno:
Bukhara
Escursione di Bukhara.
-Mausoleo dei Samanidi
-Mausoleo di Chashma Ayub
-Moschea di Bolo Hauz
-Cittadella dell'Ark
-Complesso Poi Kalyan che include la Madrassa Miri Arab, la Moschea Kalyan e il Minareto Kalyan
-Mercato di Tim Abdulla Khan
-Moschea Magoki-Attari
- Piazza Lyabi-Hauz
-Madrassa di Nodir Devan Begi
-Madrassa Kukeldash
-Complesso Chor Minor





La fabbrica di ricamo d'oro.
I ricamatori di Bukhara sono famosi per la loro capacità di decorare abiti con fili d'oro. I ricami sono ampiamente usati
sia nei costumi festivi nazionali sia nella decorazione di vari accessori. Visitando fabbrica a Bukhara riceverete un
sacco di emozioni positive.

9. Giorno:
Bukhara-Gijduvan-Samarcanda
La partenza per Gijduvan che si trova 55 km da Bukhara (1-1,30 ore) . A 55 chilometri da Bukhara è situato Gijduvan. La visita di Laboratorio di ceramica a Gijduvan. Dai tempi antichi ai giorni nostri Gijduvan era famoso
come centro commerciale e artigianale.
La ceramica si occupa un posto speciale in città. Famoso ceramista Alisher Narzullaev partecipa regolarmente alle mostre di arti applicate e decorative. Nel corso degli ultimi anni,le sue creazioni sono state esposte in mostre in 60 paesi come il Giappone, Germania, Francia, Italia, Stati Uniti e Israele. La famiglia Narzullaevi ha vinto numerosi premi in concorsi e festival della ceramica. Nel laboratorio potete * Vedere il processo di produzione della ceramica * Visitare il Museo della Ceramica* Acquistare artigiani di ceramica*

Arrivo ed escursione di Samarcanda:
- Il mausoleo di Tamerlano e dei suoi discendenti - Gur-Emir.
-La piazza Registan, che è una delle più belle piazze del mondo, e comprende madrasse: "Sher Dor", "Tilla
Kori" e "Ulugbek".

10. Giorno
Samarcanda
La città Samarcanda – è una delle più antiche. Ha più di 2750 anni.Alla fine del XIV secolo. Samarcanda è diventata la capitale di un vasto impero di Tamerlano, l'oggetto del suo particolare interesse.La bellezza di
Samarcanda è eterna e affascina la mente e l'immaginazione.




Escursione di Samarcanda:
-La moschea Bibi-Honim - dall'architettura gigantesca costruita anche questa per ordine di Tamerlano
dopo la sua campagna in India, per mostrare il suo potere.
-Siab Bazar - mercato tradizionale a Samarcanda
-Mausoleo di Shahi Zinda-("il re vivente") situata sul pendio della collina dell"antica Samarcanda domina maestosamente la città medioevale fondata da Tamerlano. Un gioiello di architettura del XIV-XV
Samarcanda, unico nel suo genere, dove si puo' trovare tutti i processi artistici della decorazione islamica.
→ La degustazione di vini uzbeki nella casa vincola di prof. M. A Khovrenko.


La sala di degustazione si trova in un edificio storico del XIX secolo che era la casa del mercante russo
Filatov, il fondatore della prima casa vincola in Uzbekistan nel 1868. Successivamente, lo scienziato
russo Khovrenko divenne il padrone e cantina prende il suo nome. Oggi la cantina di Khovrenko produce vari tipi di vino. Avete la posibilità di degustare migliori vini qua.


→ La visita di centro ceramica di famoso ceramista Sharif Azimov.
Tutte le meraviglie perfette nelle fotografie – è la creazione di un splendido maestro di Samarcanda.
Maestro Sharif Azimov è accademico dell'Accademia delle Arti dell'Uzbekistan, docente e ricercatore. Lui ha dedicato
più di quaranta anni della sua vita alla ceramica tradizionale uzbeka. Le sue magnifiche brocche di terracotta decorano le mostre museali e collezioni private in tutto il mondo.

11. Giorno:
Samarcanda - Tashkent ( high speed train)
-La visita del mausoleo Hodja Doniyor.
-L' osservatorio di Ulugbek (1428-1429) fu costruito dal governatore e scienziato Ulugbek. che conserva una parte dell'astrolabio del XV sec.

→ La fabbrica dei tappetti "Khudjum"
La visita della fabbrica di tappeti fatti a mano "Khudjum". Per produzione di tappeti vengono utilizzati solo i materiali naturali. Il filo di seta "fornisce" il baco da seta. Le vernici sono fatte da scorze di noce, croste di
melograno. Qualche volta la produzione di un tappetto può chiedere più di un anno. I prodotti della fabbrica possono essere acquistati. Costa abbastanza caro, ma vale la pena perchè è lavoro manuale

→ La visita di cartiera "Konighil".
La cartiera "Konighil". Oggi, la famosa carta di Samarcanda si produce secondo le antiche ricette in un
laboratorio di carta nel villaggio alla periferia di Samarcanda "Konigil" (10 km dal centro di Samarcanda).I meccanismi di produzione qui, come in passato, sono guidati da una ruota ad acqua, utilizzando le acque
del fiume Siab.Qui, come molto tempo fa, si può vedere con i propri occhi tutto il processo di produzione la famosa carta di Samarcanda secondo la tecnologia antica.


La partenza per Tashkent con il treno ad alta velocità "Afrosiab" 18:00/20:10. Arrivo e sistemazione in hotel.

12. Giorno:
Tashkent
Escursione di Tashkent:
Tashkent è la capitale dell'Uzbekistan. La città è il più grande centro dei trasporti in Asia Centrale. Ci sono due stazioni ferroviarie, terminali cargo e molte stazioni di autobus interurbani. Ci sono collegamenti
ferroviari tra Uzbekistan ed i Paesi vicini, inclusa la Russia.I monumenti architettonici d'epoca, pochi ma ben conservati, in un unico complesso con modernissimi alberghi e palazzi amministrativi creano l'aspetto
caratteristico della città principale del Paese.

Escursione di Tashkent:
-Khast-Imam - Nome con cui si designa un gruppo di edifici comprendente la moschea Teleshayakh cui è annessa una biblioteca con testi di carattere religioso, il mausoleo Kaffal-Shashi eretto nel XVI secolo sulla
tomba di Abubekr Mukhmmad Kaffali, la Medressa Barak-Khan sempre del XVI secolo e infine l'istituto Imam al-Bukhari.
-Kukeldash madrasa -Uno dei pochi monumenti di Tashkent anteriori al periodo sovietico. Fu costruita nella seconda metà del XVI secolo. La scuola coranica è di nuovo in funzione dopo la proclamazione d'indipendenza dell'Uzbekistan.
-moschea "Juma" (moshea del venerdi) . Dietro la Madrasa di Kukeldash sorge la quattrocentesca Moschea
Juma (del Venerdì). Qui un tempo si giustiziavano le mogli infedeli, poi, in epoca sovietica, l'edificio ospitò una fabbrica di lamiere. Di recente la moschea e stata riaperta al pubblico.
-il Monumento commemorativo del terremoto, in pietra, davanti al quale si fanno tuttora fotografare le coppie russe appena sposate. Il monumento è situato tre lunghi isolati a nord della stazione Mustaqillik
maydoni della metropolitana, in Sharaf Rashidov.
-Mercato orientale CHORSU
-piazza di Indipendenza- una delle più grandi piazze dell'Asia Centrale
-piazza di Amir Temur-la piazza era il centro focolare della nuova citta fondata nella seconda parte del 19
secolo ed era destinata per le parate militari.
-piazza teatrale di Alisher Navoi
-moshea Minor

13. Giorno
Il volo via Istanbul







Quota a persona in camera doppia a partire da
euro 1.945






La quota include:

- Sistemazione in camera doppia
- Pensione completa
- Servizio di trasporto
- Guida qualificata parlante italiano
- Escursioni+ingresso biglietti
- Treno "Afrosiab" Samarkand – Tashkent

La quota non include:
- I voli internazionali ed interni Ashgabat-Mary/Mary-Ashgabat – 150 euro/pax
- Il visto uzbeco/turkmeno
- Immigration fee Turkmenistan-14 $/pax
- Supplemento singola
- Bevande alcool
- Il biglietto per la macchina fotografica per i monumenti storici
- Mance
- Extra personali
- Tutto quanto non specificato alla voce "la quota include"

Chiedi informazioni Stampa la pagina